Resumen Cordoba 23 aprile 2019

Ci alziamo senza fretta. La giornata è piovosa. Il programma del giorno prevede la visita alla “casa de medio camino” una struttura residenziale per giovani con fragilità psichiche ideato da Silvina come alternativa alla mera contenzione in centri psichiatrici. Quando arriviamo conosciamo i ragazzi, inizialmente timidi poi si dimostrano felici della presenza di questi “italianos”. Colo Axel e Bryan ci fanno vedere gli spazi del centro, fanno rap da autodidatti, ci chiedono di giocare a calcio, poi Luz invita a fare qualche passo di tango. Per pranzo Vicky ci prepara un “Rico” piatto di lenticchie.

Madres 2 casa medio camino

L’ambiente è allegro e sereno e si percepisce che il lavoro dell equipe sta dando i suoi frutti. Silvina, silvia: basaglia sarebbe fiero di voi!
Nel pomeriggio Eli ci accompagna in centro per andare a visitare il museo del centro di detenzione D2 dove vennero sequestrati torturati studenti e operaio durante i tragici anni dei crimini di Videla. L’ex commissariato é un posto talmente centrale da passare inosservato oggi quanto allora. Oggi, perché circondato da centri commerciali e palazzi per turisti e cittadini di fretta e distratti e adombrata dalla cattedrale.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Allora, perché (non avendo altro che campi intorno) proprio la cattedrale era l’unica costruzione vicino al commissariato. L’unica, che rispondeva alle urla (immaginiamo) delle torture con il silenzio complice e con i rintocchi di campana. Proprio i rintocchi, unica informazione che dall’esterno arrivata ai detenuti, hanno aiutato anni dopo all’individuazione del centro, che era stato murato con l’intento presuntuoso di nasconderlo per sempre. Oggi è un museo che mostra gli ambienti in cui lo strazio avvenne e parte dei documenti di archivio che è stato possibile recuperare. Tra i settori ve né: uno dedicato alla letteratura proibita durante la dittatura, una dedicata agli emigrati politici nel mondo, uno che mostra i processi in cui vengono condannati alcuni dei responsabili tra i militari.

La sera Silvina ed Eli hanno organizzato un asado che ribattezziamo scherzosamente “politico” dove tra gli altri invitati conosciamo Ceasar e Camilla, del  Movimento campesino di Cordoba che ci raccontano un po’ delle loro attività soprattutto nel nord della provincia e ci consigliano di andare a vedere il piccolo spaccio chiamato “Monte adentro” nella città di Cordoba, che vende in città i prodotti del movimento.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Filippo Bellini, Cordoba 23 Aprile 2019

Kabawil – El otro soy Yo

Caravana 2019 – Existir y Resistir

Questa voce è stata pubblicata in America Latina, Argentina, Caravana, Kabawil, madres, Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...