Con Hebe a Mar del Plata. Report quinto giorno di Caravana

Il 5° e 6° giorno della Carovana prevedono una trasferta a Mar del Plata. Mercoledì 27 è in programma un incontro politico in occasione dell’inaugurazione di una mostra fotografica sulle Madres; il 28 aprile c’è ovviamente la consueta marcia del giovedì.

Il viaggio da Buenos Aires dura circa 5 ore per cui partiamo con il pullmino delle Madres verso le 8, così da arrivare a destinazione per ora di pranzo. Siamo ospiti dell’hotel “10 de Septiembre” dell’ATILRA, il sindacato dell’industria casearia.

Mar del Plata è una tipica città di villeggiatura affacciata sull’oceano Atlantico ed è ricca di strutture alberghiere, molte delle quali fanno capo a vari sindacati e sono destinate alle vacanze dei lavoratori dei rispettivi settori.

La presidente delle Madres è stata invitata dal gruppo politico “Nestor Kirchner”. L’incontro si tiene in un’affollatissima sala dell’hotel e la prima parte vede l’intervento di vari dirigenti politici locali che essenzialmente fanno omaggio a Hebe de Bonafini e, per l’aspetto più squisitamente partitico, rivendicano Cristina Kirchner come unica guida possibile per il ritorno al governo; gli interventi sono ripetutamente interrotti, oltre che da applausi, dallo slogan “vamos a volver” (“torneremo”).

hebemardelplata

Hebe in conferenza a Mar del Plata

Finalmente si arriva all’intervento conclusivo di Hebe, che parla come di consueto a braccio; inizia ricordando la storia del “panuelo blanco” che caratterizza da sempre le Madres ed è simbolo dell’abbraccio dei loro figli. Racconta come le Madres abbiano affrontato e vinto il dolore, e come rifiutino di associare i loro figli alla morte, giudicando preferibile la memoria fertile di ciò che uno è stato e ha fatto da vivo piuttosto che la commemorazione di un morto, magari accettando un monumento o l’intestazione di una strada.

Ricorda poi come Nestor Kirchner, divenuto presidente, si dichiarò figlio delle Madres e compagno dei loro figli: dichiarazione non facile per un presidente – aggiunge Hebe – perché i nostri figli erano rivoluzionari. Prosegue lodando anche l’operato di Cristina Kirchner e riservando invece sferzanti critiche a Macri, accusato di odio di classe, dato che odia i poveri e rende ancor più miseri i loro “barrios” e le loro stesse vite. La lotta di classe – prosegue – esiste perché esiste, e non perché lo ha scritto Marx (che lei afferma di non aver letto).

Il capitalismo pretende di dare un prezzo a tutto e a tutti, mentre la vita (e a maggior ragione quella di un rivoluzionario, che offre la sua vita per gli altri), non ha prezzo; per questo le Madres hanno sempre chiesto giustizia e non hanno mai accettato compensazioni economiche per la perdita dei loro figli.

Hebe conclude con un appassionato invito a tutti, e specialmente ai più giovani, a fare politica, la cosa più bella della vita. Fare politica non è una cosa sporca; sono questi politici che sono sporchi (Hebe si è espressa in termini più coloriti, ndr).

Al termine del suo discorso tanti applausi, in sala un’emozione quasi palpabile e una lunga fila per abbracciare Hebe e fare una foto con lei.

mostrahebe

Hebe inaugura la mostra nell’hotel del gremio ATILRA

Infine si passa a visitare la mostra fotografica, allestita in un’altra sala dell’hotel. Sono illustrati alcuni dei momenti e degli incontri più importanti della storia delle Madres; tra le altre, notiamo con piacere la presenza di una foto in cui le Madres vengono ricevute dal presidente Sandro Pertini. Notevole anche la serie di foto recenti, con suggestivi scatti in notturna, in cui le Madres sono ritratte singolarmente in vari punti della “loro” Plaza de Mayo.

Alessandro

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...