#Hebe de Bonafini di nuovo contro i fondi avvoltoio

Ieri Hebe de Bonafini ha scritto un intervento contro i fondi avvoltoio che stanno buitretenendo in ansia i cittadini argentini e che stanno bloccando i pagamenti dei debiti già rinegoziati.

Nella lettera Hebe definisce questi fondi delle vere e proprie sanguisughe, perché queste succhiano il sangue, una cosa viva. Gli avvoltoi, invece, mangiano cose morte. E l’Argentina e il suo popolo sono più vivi che mai, grazie anche alle Madres e ai loro figli desaparecidos, che hanno permesso il cambiamento epocale che il paese sta vivendo. Hebe ricorda tutti i passaggi cruciali dalla dittatura al crack finanziario e si scaglia contro i giornali e i politici – spesso candidati alle prossime tornate elettorali – che difendono i fondi avvoltoio e la sentenza del giudice americano, Griesa.

I veri patrioti sono i giovani che oggi sono impegnati nella politica, nella cultura, nel sociale in gruppi organizzati, proprio come lo erano i desaparecidos. Coloro che non difendono l’Argentina, come invece stanno facendo Cristina Kirchner e il suo governo, sono i veri antiargentini. Come ricorda Hebe: «La patria somos todos nosotros».

Questo intervento dimostra ancora come le Madres sono attente ai cambiamenti politici in atto in Argentina e anzi li guidano lottando per i propri figli divenendo sempre più un esempio per i giovani del paese.

Leggi qui la lettera integrale di Hebe.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Argentina, Economia, madres e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...