Il Senatore Luigi #Manconi scrive al Presidente del Parlamento della Repubblica del #Guatemala

Il Presidente della Commissione straordinaria per la tutela e la promozione dei diritti umani del Senato della Repubblica, Sen. Luigi Manconi, il mese scorso ha scritto una lettera al Presidente del Congresso del Guatemala, On. Arístides Baldomero Crespo Villegas, per esprimere la propria preoccupazione (e quella dell’organo che presiede) per la situazione di pericolo che stanno vivendo in Guatemala in nostri amici impegnati al fianco della popolazione indigena del posto.

In particolare il Senatore Manconi cita i casi di Monsignor Ramazzini, di Alberto cucBrunori (Rappresentante in Guatemala dell’Alto Commissariato Onu per i diritti umani) e di Daniel Pascual, attivista contadino oggetto di numerose minacce di morte. Inoltre Manconi ricorda alcune vicende legate al genocidio in Guatemala nel corso della guerra civile, tra cui il recente annullamento della condanna a Rìos Montt per genocidio e l’allontanamento dei giudici Claudia Paz y Paz e Yassmin Barrios che hanno contribuito e pronunciato quella sentenza di condanna.

Questa lettera è una grande soddisfazione per tutte le realtà italiane che solidarizzano con il Guatemala, tra cui Kabawil. Si tratta di un vero e proprio atto formale e istituzionale e, attualmente, rappresenta la presa di posizione più forte di richiamo ad una istituzione guatemalteca che sia mai stata mai elaborata da parte di una istituzione italiana.

Conoscendo la storia delle relazioni  politiche, diplomatiche ed economiche tra Italia e Guatemala,  sempre supine agli interessi dei potenti di turno e degli affari  delle imprese italiane, ma sopratutto pensando quanto potrà essere utile ai movimenti guatemaltechi la posizione italiana, non possiamo che essere contenti e soddisfatti del contenuto della lettera di Manconi. Questo è il risultato di un costante lavoro e di vari incontri portati avanti  in questi mesi dal Coordinamento Italia-Guatemala-Caminamos Juntos. Un lavoro che si basa sull’intreccio tra esperienze e conoscenze antiche con nuove ed attuali realtà che si vanno aggregando allo scopo di riaprire il caso Guatemala nel nostro Paese.

Questo è anche il risultato della forte determinazione umana e politica di Manconi che dall’inizio ha condiviso le nostre posizioni e ha mostrato profondo interesse e viva attenzione per le vicende attuali del Guatemala. Dovrebbe comportarsi così ogni parlamentare sinceramente democratico.

Intanto un’altra buona notizia: grazie alla mobilitazione dei contadini e degli indigeni nel Guatemala, la Monsanto è stata respinta dal paese e per ora l’invasione ogm del mais è ferma.

Hanno rubato i nostri frutti, hanno tagliato i nostri alberi ma non hanno potuto distruggere le nostre radici (Comitè de Unidad Campesina-CUC)

Scarica e leggi la lettera del Senatore Luigi Manconi

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Guatemala, Kabawil, Rete e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Il Senatore Luigi #Manconi scrive al Presidente del Parlamento della Repubblica del #Guatemala

  1. Pingback: #Guatemala. Le mani sulla #terra: la #schiavitù globale nel paese dei #Maya. Incontro con Daniel Pascual Hernández del #CUC – #Pescara sabato 1 novembre 2014 ore 16 | Associazione Kabawil – El otro soy yo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...