Asado compartido en Centro Cultural Padre Mugica

Report 26 aprile 2014

centromugicaIl giorno dopo la ricorrenza della Liberazione dal nazifascismo in Italia siamo stati invitati per condividere un “asado” con le Madri, con le persone che collaborano con loro e il vice governatore della Provincia di Buenos Aires Gabriel Mariotto.
Ci siamo recati nella zona di Banfield presso il Centro Culturale Padre Mugica.
Carlos Francisco Sergio Mugica Echague fu un sacerdote e professore argentino appartenente al movimento dei sacerdoti del terzo mondo e alla lotta popolare del argentina nella decade che va dal 1960 al 1970.
La maggior parte del suo lavoro si svolse nel quartiere di Retiro. Fu il fondatore della Parrocchia del Cristo Operaio della Villa 31. Morì assassinato l’11 maggio del 1974 dopo aver celebrato la messa e la sua uccisione fu attribuita alla organizzazione di estrema destra nota come la tripla A, Alleanza Anticomunista Argentina.
Nel centro culturale si svolgono varie attività come corsi di formazione per artigiani (addetti alla riparazione di pc, conservazione e preparazione alimenti, erboristi, orti organici, preparazione di liquori, estetista, parrucchieri, serigrafi) oltre ad attività artistiche come corsi di musica, teatro, pittura, poesia, danza e tango. Nella struttura c’è anche una cinema dove viene organizzato un festival del cinema conurbano.
Durante la comida, senza soffermarci sulle specialità culinarie ancora una volta di una bontà straordinaria, sono intervenuti i rappresentanti della radio Madre, di Prensa Madres, della Università delle Madri, della casa editrice delle Madri, de Audiovisuales, del Bar Rivoluzionario, l’avvocato e il medico del Madri.
Ognuno ha ripercorso la propria attività accanto all’esempio vivente delle Madri de Plaza de Mayo, il loro insegnamento e in ognuno di loro si leggeva negli occhi l’emozione del asadomomento. E’ intervenuto anche Renato in rappresentanza della Caravana, e alla fine il vice governatore Mariotto e Hebe che hanno ancora una volta messo in evidenza il cammino democratico anche se difficile della Repubblica Argentina e della lotta che mai bisogna abbandonare, sempre alla ricerca della salvaguardia dei diritti umani in ogni parte del mondo.
 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in America Latina, Caravana, Kabawil, madres, Rete e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...